Informazioni

Oltre Vigata è un’associazione senza scopo di lucro che si pone come obiettivo la crescita culturale e sociale del nostro paese e la cui azione avrà un carattere prevalentemente didattico cercando di far avvicinare i giovani e non, alla lettura e all’arte della scrittura.

Necessariamente, la nostra azione, avrà come punto di partenza e di riferimento lo studio degli autori locali che hanno fatto grande la letteratura italiana, Luigi Pirandello e Andrea Camilleri, e cercheremo di approfondire tutti gli aspetti di un paesaggio formato, come un palinsesto, da eventi che hanno lasciato il loro segno stratificandosi nel tempo.

Da qui la letteratura come luogo in cui potersi identificare ed esercitare il proprio ideale di libertà e di slancio verso il futuro:

…Vado sotto il pino, guardo il mare, vedo laggiù a ponente Porto Empedocle, che al tempo della mia partenza per Malta non aveva altro che la Torre, il Rastiglio, il Molo Vecchio e quattro casucce, e ora è diventato quasi una città; vedo le due lunghe scogliere del nuovo porto, che mi pajono due braccia tese a tutte le navi di tutti i paesi civili del mondo, come per dire: “Venite! Venite! L’Italia è risorta, l’Italia abbraccia tutti, dà a tutti la ricchezza del suo Zolfo, la ricchezza dei suoi giardini!”. Frutto della Rivoluzione, anche questo, penso, e – vedete? – mi metto a piangere come un bambino, dalla gioja…”[1] 

Ma anche come riconciliazione con le proprie origini, con se stessi e il proprio passato:

“Racconta Stefano che la penultima notte della sua vita il padre la passò molto agitata. L’indomani mattina spiegò al figlio che aveva, nella sua testa, composto il suo terzo atto dei Giganti, quello che ancora non aveva fatto a tempo a scrivere.

“Io seppi da Lui, quella mattina, soltanto questo: che aveva trovato un olivo saraceno.

“C’è mi disse sorridendo ‘un olivo saraceno, grande, in mezzo alla scena: con cui ho risolto tutto’. E poiché io non comprendevo bene, soggiunse: ‘Per tirarvi il tendone’… Così capii che egli si occupava, forse da qualche giorno, a risolvere questo particolare di fatto. Era molto contento d’averlo trovato.”[2]

Più avanti continua:

“Scrive a ragione Leonardo Sciascia:

“Non era soltanto un ‘particolare di fatto’, come annota il figlio, una soluzione scenica per quella commedia che non avrebbe completata: era una soluzione di significato, di catarsi, che definiva e concludeva l’intera sua opera, l’intera sua vita. L’olivo saraceno a simbolo di un luogo, a simbolo della sua memoria, della Memoria. Potremmo anche dire: di Mnemosine che a tutte le Muse è madre e a quella di Pirandello particolarmente radicata, liberamente stormente….”[3]

Così Il profilo della Torre Carlo V disegnato nel nostro logo si pone in posizione centrale perché “Albero d’Olivo” del nostro essere empedoclini e del nostro compaesano Andrea Camilleri mentre il mare che ne bagna la base, a volte “amico”, a volte “traditore”, ci rimanda al sogno di Mauro Mortara e di andare “Oltre Vigata”.

[1] Pirandello Luigi (1991) I Vecchi e i Giovani, Arnoldo Mondatori, Milano.

[2] Camilleri Andrea (2000) Bibliografia del figlio cambiato, Rizzoli, Milano

[3] Ibidem

Viale dei Fiori, 1 – 92014 Porto Empedocle (AG) – c.f. 93057300845

https://www.facebook.com/oltre.vigata/

e-mail: oltrevigata@gmail.com

Tel/Fax: 0922 634496

 

Annunci

Blog su WordPress.com.

Su ↑